RISUSCITARE CON CRISTO IN CRISTO

 

Quando risuscitiamo con Cristo per rimanere in Lui? No, non quando, dopo aver pianto per i chiodi e il sangue che abbiamo visto sul Suo corpo crocifisso, ci mostriamo gioiosi dicendo che Cristo è risorto, ma senza capire bene ciò che diciamo… No! E neanche quando annunciamo la Sua resurrezione con la convinzione di essere stati salvati, ma alterniamo poi le ore, i minuti, i momenti vissuti, tra preghiere e giudizi sugli altri, tra domande che ci sembrano tanto belle e buone su Gesù, o il Vangelo o cmq della vita spirituale, e il rifiuto di ascoltare risposte, anzi l’unica risposta valida a tutte le domande per essere buoni cristiani. Come camminare sulla retta via? Perché ubbidire? Come spiegare? Come capire? È così via… Troppo spesso, senza accorgercene, pensiamo che le domande buone e con buone intenzioni siano anche giuste… Ma al tempo stesso le risposte non ci piacciono… Come fare tutto questo? Come vivere in Cristo? È l’unica risposta è: abbassandoci, facendoci piccoli, facendoci di nuovo polvere ai piedi della croce, lì sul Golgota, con tutta l’anima, con tutto il cuore e con tutta la mente… e lì rimanere, senza timore, perché è lì e solo a quel punto che tutta la grandezza di Dio si manifesta attraverso di noi e in noi! 

Quando risuscitiamo quindi? Quando ci lasciamo trasformare in polvere, per riempirci di Lui, del Suo amore, di tutto ciò che ci vuol dare e così iniziamo un nuovo cammino con cuore, mente e anima nuovi, donatici dal nostro Signore, che per misericordia e amore non nega nulla ai Suoi figli! Nuovo cammino, più ripido, più pesante, ma con Lui e rimanendo cosi a terra, così polvere, più dolce e leggero da prendere e portare…

Risuscitiamo con Lui e in Lui – per rimanere quindi davvero in Lui! – se lasciamo che in noi avvenga una vera profonda e autentica conversione… Risuscitiamo allora e, morendo a noi stessi per vivere in Lui e più ancora perché Lui viva in noi, iniziamo un nuovo cammino, come la nuova alleanza, che nulla rinnega del cammino avuto finora, ma che cambia rotta, la aggiusta con forza, determinazione e amore, per puntare tutto su Colui che dona la vita eterna ed è il primo ad essere risuscitato dai morti. Gloria a Dio nell’alto dei Cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà, vale per la prima fede, la prima conversione e vale per la seconda, perché fare qualsiasi cosa a Gloria di Dio è appunto lasciarsi rinnovare, lasciarsi morire per essere plasmati dall’amore di Dio, per poter così correre con la Sua vita in noi verso la corona della gloria, compiendo ogni comandamento, rispondendo alla Sua volontà (facilissimo perché a questo punto Lui vive in noi!), ma soprattutto amando amando amando del Suo stesso amore! 

Uniti nel Suo corpo splendente di gloria, che è la Chiesa, e guidati dalla Madre di Dio, madre nostra e Madre della Chiesa, ce la possiamo fare. Non perdiamo mai, e anzi, acquisiamo sempre più, la consapevolezza di essere un solo corpo in Cristo Gesù!

Dio mio, preservaci da ogni male, non lasciarci cadere nella tentazione e donaci la consapevolezza della forza del nostro battesimo per combattere ogni male, per tenere lontano il nemico, per non soccombere come empi!

S. (PSIGEMI)

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s