Il digiuno che è stato praticato dai più grandi Santi della Chiesa

Signore, in questo mese in cui veneriamo il Tuo Sangue glorioso, concedici la Tua forza e il Tuo amore per giungere con Te fino alla Croce, passando per l’umiliazione e la sofferenza con mitezza e con la gioia di sentirci a te uniti! Signore, ti imploriamo: ascolta la nostra preghiera che è offerta alla Tua bontà!

Le Catechesi di Don Vincenzo Carone

Il digiuno non deve essere fine a se stesso. E’ sempre un mezzo, perché se pulisco la tavola dove poi bisogna mangiare, non è la pulizia della tavola che conta: si pulisce la tavola per mettere poi la tovaglia, i piatti, la minestra, il cibo. Il digiuno serve per “pulire” la carne, le concupiscenze. Le concupiscenze si riferiscono ai sensi, però nulla si muove nell’uomo e nella donna se non attraverso lo spirito e la ragione. Io parlo: si muove la bocca, la lingua, tu senti le parole, ma dentro al cervello, dentro alla bocca, alla lingua, è il principio di vita dell’uomo, cioè l’anima, che fa muovere tutto. Quindi il digiuno non deve investire soltanto il corpo ma principalmente deve investire lo spirito, l’anima, quindi la mente, la volontà, gli affetti, i pensieri, i desideri: digiunare dal di dentro, digiunare nello spirito. Ma che cos’è il digiuno? E’ una…

View original post 1,115 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s