Don Oreste Benzi – La testimonianza di Italo D’Angelo

Pubblico questo bel articolo, perché anch’io ho conosciuto Don Oreste, da giornalista e quando ero un’atea irremovibile… Ho amato quest’uomo fin dal primo istante in cui l’ho conosciuto, in cui sono stata invasa e accolta dal suo sorriso e dalla sua benedizione. 

Sono sempre rimasta in contatto con lui. Lo chiamavo. Lui rispondeva. Ascoltava. Parlava. Diceva cose che il cuore e l’anima comprendevano meglio di me e mi faceva sentire in pace… Ha pregato e pregava tanto, anche per me, con cuore e lacrime di amore e con quel suo sorriso che era certezza della salvezza, gioia piena fin da questa vita…

Ora che sono convertita vorrei tanto averlo vicino, ma il suo ricordo è vivo dentro di me e so che continua a pregare per me e per le mie figlie non battezzate. So che c’è, per me come per tutti i suoi figli sparsi dappertutto.

Ecco la testimonianza di Italo D’Angelo:

Quando da ragazzo pensavo ai Santi li vedevo irraggiungibili e mi sembrava quasi un peccato dire: anche io voglio diventare Santo. Oggi che ho i capelli bianchi ho compreso che la santità non è irraggiungibile: è una condizione di vita che ogni cristiano dovrebbe avere chiara, davanti a sé.  Un’aspirazione che dovrebbe dare la forza, ogni giorno, di superare ostacoli, sofferenze, dolori. Una forza che non dovrebbe mai turbare la sua gioia. Perché il Santo è un credente felice, anche nella sofferenza, perché sa che essa è strumento che lo avvicina al Cristo.

DonOreste benzi

Oggi posso dire di aver conosciuto due Santi: Giovanni Paolo II che ho incontrato più volte grazie alla mia professione e don Oreste Benzi. Mi legano a don Oreste tanti momenti. L’amicizia con don Oreste è stato un regalo di don Aldo, un giovanissimo sacerdote che ho conosciuto da capo della Squadra Mobile e che da allora è il mio riferimento come padre spirituale. Fu lui a presentarmelo e fu amicizia a prima vista; quel prete grassottello, con la tonaca sempre lisa, lucida perché ormai consunta, sempre sorridente…

Ogni tanto parlavo con don Oreste della mia vita e dei miei problemi e lui mi raccontava le sue preoccupazioni: i poveri, gli ultimi, quelle ragazze sulle strade che amava come sue figlie, mi spronava ad aiutarle, a fare di più… a non rassegnarmi.

don-oreste-benzi-causa-beatificazione

Qualche volta don Oreste mi imbarazzava. Entrare in un’auto della polizia, consegnare agli agenti dei rosari annodati con fili e sentirgli dire “E ora recitiamo il Rosario” mi preoccupava. Pensavo tra me: se qualcuno si lamenta con il questore… se si comincia a dire: ma che tipo è questo capo di squadra mobile che fa recitare il rosario ai suoi collaboratori ?!

Invece era straordinaria la disponibilità dei “miei” agenti a pregare… tra un intervento ed un altro sulla strada, per portare via le ragazze dalla schiavitù di una vita così triste, così infame. Don Oreste si fermava a parlare con le giovani, con il suo inglese stentato, il suo sorriso. Le abbracciava, le benediceva, cantava e pregava con loro e le convinceva a scappare. Le persuadeva a denunciare gli aguzzini, a fidarsi della Polizia. Credo che le forze dell’ordine debbano tanto a don Oreste e oggi a don Aldo per il supporto offerto allo Stato in tema di repressione della tratta e dello sfruttamento degli esseri umani.

Ragazze spaventate, torturate, destrutturate psicologicamente, decidevano e decidono di scappare da organizzazioni criminali feroci: non è facile. Un piccolo miracolo di fiducia e d’amore.
Sono tanti gli episodi che conservo di don Oreste; mi sembra così vicino da poterlo vedere anche adesso, mentre scrivo. Lo immagino durante i nostri viaggi, quando la stanchezza prendeva il sopravvento mentre parlava, si addormentava per poi ricominciare il discorso nello stesso punto appena svegliatosi…

benzi

In uno dei nostri ultimi incontri mi disse: pensa a don Aldo… In questi anni ho cercato di ” pensare ” a don Aldo… ma a dire la verità sono state di più le volte che lui ha pensato a me, con quella bontà e quella discrezione nel dare che ha ereditato da don Oreste… e con quel suo sorriso che diventa tristezza quando è a contatto con la malvagità e l’ingiustizia.

L’ultima volta che ho visto don Oreste è stato poche ore dopo che aveva lasciato la vita terrena. Una telefonata nella notte, di don Aldo, mi aveva avvisato che ci aveva lasciati. Avevo atteso l’alba per partire per Rimini e nel dormiveglia l’ho sognato: mi veniva incontro, camminando su un prato verdissimo, sorridente. “Don Oreste! Ma non sei morto?” “No Italo, non sono morto. Pensa a don Aldo, quel ragazzo non mangia mai …” Queste furono le sue esatte parole. Appena il tempo di raccontare il sogno a Maria Giovanna e partimmo. Arrivati a casa sua, salii in camera, mentre stavano vestendo don Oreste per portarlo in chiesa, tra i suoi amici: alcuni potenti e ricchi, tantissimi poveri, gli ultimi, i suoi figli, che lo stavano aspettando per un saluto.

Nella suo appartamentino una vecchia poltrona su cui spesso si addormentava pregando e, in cucina, un pentolino, tutto bruciacchiato, con del riso avanzato. Ci guardammo con mia moglie e non riuscimmo a tenere le lacrime. Ci aveva lasciato, ma non per sempre. Un Santo.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s